Trustpilot
top of page

Logopedista: chi è e di cosa si occupa


Il logopedista è un professionista sanitario che dopo aver conseguito una laurea triennale in logopedia ed essersi iscritto all’ordine nazionale dei TSRM PSTRP si occupa del linguaggio, della comunicazione, dell’apprendimento e della deglutizione. In Italia ci sono più di 15.000 logopedisti e io sono una di loro!


Ciao, sono Dana Dell’Ariccia, logopedista dei bambini ed esperta in disturbi di linguaggio e dell’apprendimento. Mi occupo dei bambini che hanno difficoltà comunicative e linguistiche e mi occupo delle loro mamme e dei loro papà che vogliono sostenere lo sviluppo linguistico e comunicativo dei loro piccoli.



Cos'è la logopedia?

La logopedia è una branca delle professioni sanitarie molto ampia e si occupa di tutte le fasce di età, prendendosi cura dei più piccolini e dei più grandi potenziando, a seconda delle necessità, il linguaggio, la comunicazione, la deglutizione e l’apprendimento.


Quando potrebbe intervenire il logopedista?

Parlare in generale di apprendimento, comunicazione e linguaggio potrebbe lasciare non pochi dubbi riguardo l’effettivo campo di applicazione del logopedista. Andiamo a vedere insieme nel pratico quando potrebbe essere necessario rivolgersi ad un logopedista.


La Logopedista si occupa dei disturbi evolutivi del linguaggio, (come ad esempio: errori di pronuncia, ritardo o della distorsione delle tappe di acquisizione del linguaggio); dei disturbi specifici di apprendimento cioè delle difficoltà nella lettura, scrittura e nel calcolo (dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia); delle balbuzie, quando il linguaggio è caratterizzato da continue ripetizioni, blocchi e interruzioni involontarie. Il logopedista, inoltre, si occupa delle difficoltà di deglutizione generate da alterazioni delle strutture della bocca, e della deglutizione disfunzionale, una deglutizione ‘infantile’ in cui la lingua spinge contro i denti.




Alcune difficoltà comunicative, linguistiche, articolatorie e deglutitorie possono verificarsi in età adulta o involutiva in seguito a ictus, traumi cranici, malattie neurologiche o degenerative (malattia di Parkinson, sclerosi multipla…); queste sono ad esempio l’afasia, la disartria, la demenza, i disturbi cognitivo-comunicativi.


La Logopedista inoltre affronta anche problemi di voce come la disfonia, cioè quando la voce manca, è debole o è rauca per qualsiasi motivo.


Come capire se bisogna affidarsi al logopedista?

Ogni situazione e difficoltà è differente. Nei più piccolini, per molte difficoltà linguistiche e dell'apprendimento si possono individuare dei campanelli d’allarme e fattori di rischio che si possono rilevare fin dai primi mesi di vita. Per quanto riguarda la deglutizione atipica il primo ad accorgersene è generalmente l’ortodontista al momento della prima visita.

In linea generale, in caso di dubbi è sempre consigliato rivolgersi ad uno specialista che sappia rassicurare il genitore o eventualmente indicare l’iter valutativo e/o riabilitativo più adeguato.


Se hai dubbi circa lo sviluppo linguistico o dell'apprendimento del tuo bambino non farti scrupoli e chiedi aiuto agli specialisti!


40 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page